Se negli anni precedenti il passaparola era un mezzo efficace per farsi conoscere, al giorno d’oggi non può più viaggiare da solo. La comparsa di Internet e dei social media ha rivoluzionato il mondo intero e con esso anche il nostro modo di vivere.

Di conseguenza, le aziende e i liberi professionisti si sono dovuti adattare al “cambiamento digitale” per non rimanere indietro e lasciar vincere a mani basse i propri competitor. Il web, infatti, può essere una grande risorsa per chi intende diffondere il proprio brand e ampliare la propria cerchia di clienti. 

Tutti possono aumentare i propri guadagni grazie a Internet, compresi gli studi fotografici!
Attraverso questa guida voglio fornire alcuni utili e pratici consigli da seguire per migliorare la propria presenza online con un… marketing fotografico! 📷

In realtà, una strategia di marketing completa è formata da diverse attività; queste, a mio avviso, sono alcune delle più importanti:

  1. Individuare il target di riferimento 
  2. Curare i propri profili social
  3. Creare un Funnel di vendita

Individuare il target di riferimento

Target di riferimento

Il primo ed inevitabile passo da compiere è individuare il proprio target di riferimento. Conoscere il pubblico (target) a cui rivolgersi è fondamentale per poter realizzare un piano di marketing efficace e comunicare nel modo più adeguato: proporre un servizio matrimoniale ad un target non idoneo (ad esempio a degli adolescenti) con un linguaggio poco consono non sarebbe la strategia migliore per il tuo studio.  

Un altro valido motivo per cui dovresti adottare questa tecnica è quello di poter gestire in maniera più intelligente il budget a disposizione: investire € 2.000 per essere sponsorizzati da un’influencer famosa che, sebbene abbia milioni di follower, non ha un target idoneo al tuo (ragazzi da 14 anni in su) sarebbe controproducente. Orientarsi invece verso una che, pur avendo meno seguaci, è inerente con il tuo settore (come una wedding planner) o attira una cerchia di persone tra 25-35 anni (età in cui è più probabile siano delle coppie consolidate) è più indicato.

Come si individua il target?

Il target è dunque la base da cui partire per promuoverti al meglio, ma come individuarlo?

Ogni azienda o brand ha un cliente tipo, soprannominato nel gergo del marketing “Buyer Personas”

Le Buyer Personas sono dei prototipi di clienti ideati per agevolare la ricerca del target: immaginare una persona con le relative caratteristiche, preferenze e passioni aiuta a capire come intercettarla, attirarne l’attenzione e soddisfarne le esigenze.

Entriamo ora in quest’ottica con un esempio pratico

Dopo un lungo lavoro, il tuo nuovo corso di Food Photography è pronto: ora è arrivato il momento di lanciarlo sul mercato. Prima di puntare su inserzioni casuali, valuti chi potrebbe essere effettivamente interessato ad iscriversi per impostare la campagna pubblicitaria adeguata. 

Sofia e Luca sono due personalità diverse: Sofia è una ragazza di 23 anni che, dopo aver frequentato con entusiasmo un corso fotografico per principianti, desidera specializzarsi in un genere specifico. Luca, invece, è un cuoco di 38 anni che sui social network non riscuote il successo ambito, probabilmente perché i suoi sono scatti improvvisati. Pur avendo età e interessi differenti, entrambi potrebbero essere interessati al tuo corso, ma per riuscire ad intrigarli dovrai programmare delle campagne specifiche. 

Da questa idea di Buyer Personas, hai scelto di concentrarti su persone che nutrono interesse per la fotografia e sui titolari di attività ristorative.

  • Esempio di campagna Facebook per Luca: “Sei stanco delle solite foto amatoriali? Promuovi il tuo ristorante e trasmetti il gusto dei tuoi piatti con delle foto professionali! Stupisci i tuoi follower: iscriviti ORA al corso di Food Photography per principianti!”
  • Esempio di campagna Facebook per Sofia: “Sei un’appassionata di fotografia ma non sai quale strada seguire? La Food Photography potrebbe essere la tua specializzazione! Iscriviti ORA al corso di Food Photography per principianti!”

Come avrai notato, il pubblico dell’esempio precedente (la futura coppia di sposi) è differente da quest’ultimo: il target, dunque, non è sempre prefissato, ma varia anche in base al proprio scopo e al prodotto/servizio venduto. Servizio matrimoniale, diciottesimo e 50° anniversario, come ben saprai, sono tutti servizi con un pubblico specifico

Curare i propri profili social 

Social Media Marketing

Una volta appreso quanto sia indispensabile individuare il target, si passa allo step successivo: migliorare la propria presenza sui vari social network e iniziare veramente a farsi conoscere.

I Social Network a disposizione sono vari, ma non è necessario essere presenti su ognuno di essi (talvolta è preferibile concentrarsi su pochi piuttosto che su tutti per poi trascurarli). Anche in questo campo, l’utilizzo di questi strumenti varia in base al proprio scopo e al pubblico da intercettare: Facebook e Instagram, ad esempio, sono ottimi per divulgare il proprio brand, mentre YouTube e Vimeo sono molto utili per creare canali tematici.

A questi si aggiunge poi Pinterest (piattaforma che divulga immagini a cui ispirarsi) e Google My Business, impiegata dalle aziende per fornire una scheda con le proprie informazioni (numero di telefono, indicazioni stradali, orari di apertura, foto della sede e recensioni), indispensabile per far trovare il tuo studio fotografico.

Curare e aggiornare sempre i vari profili social è fondamentale per mantenere un rapporto continuo con i propri utenti. A tale proposito, abbiamo scritto una guida specifica per Instagram che potrebbe interessarti, eccola qui → “Instagram per Fotografi

Creare un Funnel di vendita

Funnel Marketing

Una delle strategie vincenti del web marketing è il funnel di vendita, un percorso progettato per convertire il maggior numero di potenziali clienti in clienti paganti. Per riuscire in questo intento è necessario innanzitutto saper distinguere il livello di interesse di un determinato pubblico.

Devi sapere infatti, che esistono diversi stati di interesse:

  1. Traffico freddo: persone che non sono mai entrate in contatto con il tuo Brand;
  2. Traffico tiepido: persone che ti conoscono ma che ancora non sono interessate ai tuoi prodotti/servizi;
  3. Traffico caldo: utenti affezionati, interessati all’acquisto di prodotti/servizi.

Erroneamente si punta a creare campagne di vendita immediate: online il processo di acquisto è tutt’altro infatti, a differenza di anni fa, è raro che gli utenti acquistino un prodotto/servizio di primo impatto senza informarsi o conoscere nulla dell’azienda che li propone (traffico freddo).

Attraverso il funnel si cerca di sopperire a questa “mancanza di fiducia” creando in primis un rapporto con l’utente (traffico tiepido) attraverso comunicazioni mirate e multipiattaforma che permettono di aumentare la consapevolezza e la fiducia nel marchio. Solo in un secondo momento si passa alla fase di offerte verso un pubblico più consapevole (traffico caldo). 

Esempio → Ti è appena apparso un annuncio su Facebook di un corso professionale. Il progetto ti interessa, ma prima di acquistarlo ti informi su chi sia l’insegnante, cerchi la pagina sui social e su Google. Una volta ricevute tutte le informazioni necessarie per poterti fidare, procederai con l’acquisto. 

Il funnel di vendita non è universale, ma potresti seguire questo schema per ispirarti:

  1. Crea attenzione con campagne pubblicitarie volte a diffondere il marchio del tuo studio;
  2. Crea interesse per ottenere l’email in cambio di un oggetto di valore gratuito (pdf, corsi in pillole, guide, eBook etc.);
  3. Crea desiderio con il follow up, processo in cui si forniscono informazioni sul brand (es. “Chi sono?”, “Qual è la mia esperienza?” Perché acquistare un mio servizio fotografico?”) e si propongono contenuti con costanza;
  4. Crea azione offrendo delle promozioni riservate (“Sconto del 10% sul servizio newborn!”).
  5. Crea urgenza e scarsità (“Ultimi giorni”, “Solo 2 posti disponibili” etc.)
Funnel di vendita

L’utente, una volta entrato in contatto con te, non solo conoscerà il nome ma sarà più propenso a scegliere te come fotografo per una sua cerimonia o evento futuri. 

Il funnel, affiancato alle strategie di marketing per fotografi citate in quest’articolo, potrebbe dare una svolta al tuo studio fotografico. Dopo questa infarinatura generale, non resta che informarti sul marketing online leggendo altre guide presenti online o dei video tutorial.   

Se hai trovato quest’articolo interessante, iscriviti alla nostra newsletter nel form sottostante per rimanere sempre aggiornato, uno dei prossimi suggerirà gli #hashtag per fotografi

Categorie: Guide

4 commenti

Alberto Caputo · Marzo 19, 2022 alle 11:04 am

Si in associazione stiamo già facendo dei percorsi di formazione in merito ma è sempre interessante avere input

giovanni · Marzo 24, 2022 alle 4:39 pm

sono interessato a ricevere newsletter

BLASOTTA · Marzo 25, 2022 alle 7:27 am

interessante

admin · Aprile 14, 2022 alle 8:56 am

Perfetto, provvederemo ad inserirla!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *